Oggi è dom mag 27, 2018 11:27 pm




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 20 messaggi ] 
 HIV 
Autore Messaggio
Messaggio HIV
CIAO A TUTTI!
QUALCHE GIORNO FA IL MIO MIGLIORE AMICO MI HA DETTO DI ESSERE SIERO POSITIVO, NON VI DICO COME MI SENTO!!!
SI ERA RECATO IN OSPEDALE PER FARE ESAMI IN SEGUITO AD UN RICOVERO CHE AVREBBE DOVUTO SOSTENERE PER DEI LINFONODI CHE GLI ERANO VENUTI A SETTEMBRE, MA PURTROPPO è STATO DIMESSO POICHE' ESSENDO RISULTATO POSITIVO HANNO DETTO CHE QUEI LINFONODI NON SONO ALTRO CHE UN'INFEZIONE.
ORA, IL MIO AMICO E' OMOSESSUALE, E L'ULTIMO CONTROLLO FATTO X L'HIV RISALE A SETTEMBRE, DOVE ERA RISULTATO NEGATIVO.
LA MIA DOMANDA E': NON E' POSSIBILE CHE INVECE A CAUSA DI QUELL'INFEZIONE IL TEST SIA STATO SBAGLIATO? E' OPPORTUNO FARNE UN ALTRO??
SPERO CHE QUALCUNO COMPETENTE IN MATERIA POSSA AIUTARMI E MAGARI CONSIGLIARMI DOVE POSSO ANDARE.. SONO DI MILANO!!!
DISPERATA KLOD
GRAZIE A TUTTI


lun apr 11, 2005 12:09 pm
Messaggio aprite gli occhi
... di' al tuo amico di evitare assolutamente qualsiasi consiglio e prescrizione medica, l'aids semplicemente non esiste per come si conosce ufficalmente, l'immunodeficienza e' una conseguenza del nostro stile di vita e non puo risultare in nessun e ripeto nessun fantomatico test!!
forse sara' unochoc per te e penserai ke chi scrive e' pazzo ma l'aids oltre a non esistere non e' in alcun modo trasmissibile sessualmente

5 anni fa mi sono ritrovato con la stessa scure sulla testa, sono risultato positivo al test hiv, informandomi senza lasciarmi andare allo sconforto sono ancora vivo e sono estremamente piu sano di prima perke informandomi sull'aids ho scoperto un'infinita' di complotti a danno della nostra salute e ho semplicemente cambiato stile di vita,smesso di prendere quasiasi farmaco e cambiato alimentazione, se volessi avere maggiori ragguagli rispondi la mio post, ciao

ps consiglio, visita a proposito:

http://www.ilvirusinventato.it

http://freeweb.supereva.com/infoaids.fr ... ndex.htm?p

http://www.virusmyth.net/

http://www.oikos.org/aids/links.htm

http://www.oikos.org/aids/articles.htm

http://aids-info.net/micha/hiv/aids/ain_index.htm

http://www.aidsmyth.addr.com/panelreportnews.htm

http://www.aidsmyth.addr.com/panelreport.htm

http://www.newmediaexplorer.org/ivaning ... _laids.htm

http://www.newmediaexplorer.org/ivaning ... vitare.htm

http://www.laleva.org/eng/2004/06/sud_a ... _live.html


dom mag 15, 2005 5:24 am
Messaggio sottoscrivo...
sottoscrivo quello che ha detto "malato immagginario" e ti cosiglio anche io di andare a visitare quei siti.

conosco una persona che vive benissimo nonostante gli hanno diagnosticato l'aids da piu di 10 anni, e ho sentito tantissime storie di persone alla quale è stato diagnosticato l'AIDS in un ospedale quando al questionario ha detto che era gay, quando è ritornato per fare l'analisi una seconda volta per esserne certo, non specificando che era gay, il test è risutato negativo... strano ma vero.

Di al tuo amico di fare ulteriori controlli solo per stare tranquillo, e consigliagli una visita da un bravo medico ortomolecolare. magari gli servono solo delle vitamine per aumentare il sistema immunitario! :D


lun mag 16, 2005 12:25 pm

Iscritto il: lun feb 28, 2005 11:31 pm
Messaggi: 23
Località: Firenze
Messaggio qualche dubbio...
Ciao! Fino a pochi mesi fa avrei io stesso sottoscritto quanto da te evidenziato. Qualche dubbio mi rimane. Intanto bisognerebbe capire come mai una presenza significativa di chi risulta positivo al test ha una diminuzione dei cd4 . La stessa diminuzione da luogo poi a malattie opportunistiche che vengono limitate ed eliminate grazie al coktaill di farmaci . Non sono d'accordo circa la non trasmissibilità dell'Aids : perlatro parrebbe , leggendo il sito newmediaexplorer , che l'agente responsabile non sia l'hiv ma l'hhv 6 :

http://www.newmediaexplorer.org/sepp/20 ... icated.htm

Sarebbe comunque interessante, in chi risulta positivo al test, una integrazione a base di integratori naturali ed antiossidanti specifici, per verificare se e quanto si ha una stabilizzazione dei cd 4 senza prendere farmaci (uno per tutti, il carotenoid complex).
Ciao
Francesco
http://utenti.lycos.it/gordonlink

_________________
http://utenti.lycos.it/gordonlink


mer mag 18, 2005 8:28 pm
Profilo
Messaggio ma
credo che l aids esista e sia trasmissibile !!! i dissidenti non hanno piu dato prove che cio non sia vero ,infatti tutti gli articoli sono molto datati !!!!
io conosco persone che si sono contaggiate


gio mag 19, 2005 11:15 am

Iscritto il: lun feb 28, 2005 11:31 pm
Messaggi: 23
Località: Firenze
Messaggio dissidenti e nuovi articoli
Infatti. Socno decisamente datati e, oltretutto,secondo me anche loro non ci credono più tanto. La stessa Christine Maggiore, autrice , nel 2001 di un testo : Aids e se fosse tutto sbagliato? aveva un sito che oggi non esiste più. Non vorrei che lei stessa si sia dovuta ricredere. Resta comunque da verificare se, dopo il contagio, è possibile attuare una integrazione nutrizionale per fare in modo che, nonstante il virus, ci sia la possibilità di non avere una diminuzione dei cd4. Se vai sul mio sito, per esempio, toverai il carotenod complex. Leggendo su alcune news group americane, si legge di persone che, avendolo preso, non hanno avuto bisogno di ricorrere ai farmaci. Il problema è che gli stessi interventi sono datati. Il ragionamento è il seguente : l'Hiv si nasconde nei linfociti t helper, che mostrano gli antigeni al sistema immunitario. Nella membrana esterna di queste cellule c'e' una membrana chiamata CD-4, in cui l'Hiv si lega per riuscire ad entrare. Una volta sul virus, questa proteina sarebbe vulnerabile al sistema immunitario, solo che non lo è poiché si nasconde nelle profonde spaccature della parete virale. Tale virus distrugge i linfociti (le nostre difese immunitarie), rendendo il contagiato facile preda di malattie opportunistiche. Usando piante come l'echinacea, che aumentano le difese immunitarie, si sortirebbe l'effetto opposto. L'aumento delle difese immunitarie, e quindi provocando l'aumento dei linfociti, porterebbe anche un aumento della viremia. Ecco perché, ripeto, sarebbe interessante l'utilizzo dei carotenoidi poiché parrebbe che cio' provocherebbe un aumento dei linfociti ma non della viremia. Questo a giudicare di alcune testimonianze, tuttavia, ad oggi, mancano dati ufficiali e ufficiosi.Per quanto riguarda i tuoi amici che si sono contagiati, potresti dirmi come hanno fatto a scoprirlo? Casualmente oppure poiché hanno avevano una certa sintomatologia? Se si quale? E come la stanno affrontando? Ciao
Francesco

_________________
http://utenti.lycos.it/gordonlink


gio mag 19, 2005 1:26 pm
Profilo
Messaggio 
non so come hanno fatto a scoprirlo !!! comunque con le nuove cure stanno meglio !!! chiaramente ci sono cose che non sono chiare credo che la verita sia nel mezzo !!!


ven mag 20, 2005 11:05 am
Messaggio AIDS
SE VOLETE SAPERE QUALCOSA DI VERAMENTE INTERESSANTE SULL'AIDS DOVRESTE LEGGERE
"AIDS LA GRANDE TRUFFA"
di Luigi De Marchi (psicologo clinico e sociale) e Fabio Franchi (sopecialista in infettivologia)
edizioni SEAM
ISBN 88-8179-048-3


dom giu 26, 2005 10:11 am
Messaggio AIDS
SE VOLETE SAPERE QUALCOSA DI VERAMENTE INTERESSANTE SULL'AIDS DOVRESTE LEGGERE
"AIDS LA GRANDE TRUFFA"
di Luigi De Marchi (psicologo clinico e sociale) e Fabio Franchi (specialista in infettivologia)
edizioni SEAM
ISBN 88-8179-048-3


dom giu 26, 2005 10:14 am
Messaggio garantito al 100 per cento che l'aids esiste
ragazzi, per caso sono incappata nella vostra discussione mentre cercavo leggi in materia di hiv e non posso tacere, ho visto troppa gente morire, troppa gente che ha fatto finta di niente fino a quando è stato troppo tardi....vi prego ascoltatemi, non è un anno o due che sono sieropositiva, lo sono da 20 anni e sono ancora qui SOLO perchè mi sono SEMPRE curata.

Altro che virus inventato e altra aria fritta e rifritta da anni
se volete aprire gli occhi, ma veramente, senza far finta per comodo che il virus non esista vi consiglio un pò di link seri e non campati in aria:

http://www.npsitalia.net/modules.php?name=News&file=article&sid=24

http://www.npsitalia.net/modules.php?name=News&file=article&sid=25

http://groups.msn.com/PoloinformativohivBudrio/_whatsnew.msnw

http://www.nadironlus.org/

http://www.lilachat.it/

http://www.sieropositivo.it/


gio lug 07, 2005 2:39 pm

Iscritto il: mar ott 11, 2005 6:22 am
Messaggi: 1
Messaggio Per hiv+
Ho letto tutto e dappertutto.
E me ne sono pentita. Ho saputo da poco che mio figlio è sieropositivo .
NO.
Non vi è alcuna possibilità di remissione dal virus.
Certo...può, con le dovute cure fare una vita "normale"....ma è e rimarra' cmq positivo .
E' un peso .
E credo che tutti quegli aerticoli datati e mi e sottolineo MAI aggiornati ......non faciano altro che alimentare false speranze...
Speranze che sono sstate anche le mie. Perchè automaticamente andiamo a cercare quelle notizie che confermano le nostre speranze. Mi spiace.
Ma devo dare ragioe ad hiv+
Grzie.


mar ott 11, 2005 6:28 am
Profilo

Iscritto il: lun feb 28, 2005 11:31 pm
Messaggi: 23
Località: Firenze
Messaggio tutto scorre...
E' da tre anni che leggo continuamente circa il rapporto hiv e aids. L'interesse cominciò leggendo il famoso libro di Duesberg : "il virus inventato" e poi, da studioso curioso che sono sulle cause delle malattie, mi apparve come un testo "to be good to be true". Peraltro io ho 29 anni, e proprio negli anni 80 (fine) ricordo di essere stato bombardato da questo problema che, bene o male, rigurdava tutti. Al punto che l'utilizzo del condom non era necessario tanto per non mettere la ragazza in cinta, quanto piuttosto perché il sesso era pericoloso al punto di diventare mortale. Credo che oggi l'aids debba essere ricondotto a quelle che sono le reali dimensioni del problema. Da patologia mortale oggi parrebbe come una malattia cronica che si piò controllare, ferma restando l'importanza della prevenzione. Ad ogni modo, ci sono delle falle consistenti in questa storia, specie a giudicare dal metodo deduttivo di affermare che la causa dell'aids è nell'hiv senza prove scientifiche e solo su un sospetto; e questo ben prima della scoperta , ad esempio, della Pcr.
Questo mi fece sentire puzza di bruciato ; oggi sarei indottoa pensare che se Robert Gallo e Montaigner erano così sicuri sulle cause dell'aids, era probabilmente perché qualcuno glielo aveva detto...magari hanno ragione alcuni che affermano che è legato a talune vaccinazioni legate alla polio negli anni 60, sulla quale relazione, peraltro, un ragazzo scrisse su questo forum e che venne pubblicato sul corriere della sera. Detto questo, che poi ha l'importanza che può avere per chi magari è sieropositivo (quindi zero su zero) vediamo di considerare dove sta la verità. Dico la mia : a mio avviso i dissidenti oggi non pubblicano più nulla. Qulcuno dirà che non hanno più fondi...forse, ma non credo. Cmq una balla non può durare 20 anni, ed è un dato di fatto che la nuova terapia garantisca la sopravvivenza, piaccia o no ai dissidenti. Esiste, per quanto mi riguarda, spazio poi ai tentativi "alternativi". Le linee guida mettono in evidenza che, per i pazienti che hanno una percentuale maggiore di 350 cd4, sono asintomatici ed una carica virale minore di 100.000 copie, che non è necessario iniziare una terapia. PRemesso che questo dimostra che , se ci fosse l'interesse delle case farmaceutiche, i limiti sarebbe diversi, e , soprattutto, che se avessere ragione i dissidenti, l'hiv non arriverebbe a dimunuire i cd4 (cosa che invece succede)...detto questo sarebbe interessante, ferma restando quanto scritto pocanzi) lavorare nella prevenzione utilizzando un programma per il rafforzamento delle difese immunitarie basato su 3 carotenoidi 2 flavonoidi e 1 criciferus e ripetere gli esami secondo quanto previsto dalla linee guida e sotto controllo medico.In bocca al lupo a tutti! Ciao Francesco (http://utenti.lycos.it/francescosatta)





Non sbagli infatti ma secondo le Linee Guida la viremia, per i pazienti
asintomatici e naive con più di 350 CD4+, è indicativa per iniziare una
terapia solo quando supera 100.000 copie (prima erano 55.000 copie) e viene
comunque ribadito che "molti clinici esperti rimanderanno l'inizio della
terapia con monitoraggio clinico e di laboratorio ogni tre mesi". Insomma
se da sempre nessuno discute sul fatto che sotto i 200 CD4+ bisogna iniziare
subito la terapia (e le profilassi per PCP e Toxoplasmosi) rimangono sempre
dei dubbi su quelli che hanno un minore grado di immunodepressione ed in
particolare su quelli che hanno tra 350 e 500 CD4+.

_________________
http://utenti.lycos.it/gordonlink


sab ott 15, 2005 7:30 pm
Profilo

Iscritto il: ven giu 15, 2007 10:15 pm
Messaggi: 1
Messaggio Io lo sono
Salve io lo sono, sieropositivo HIV e dissidente, diagnosticato nel 2001 e mai curato, quello che non capisco è che cosa dovrei curare? Qualcosa che non esiste? Quello che cercate di fare è dare un senso a un controsenso.
Certo che i dissidenti esistono, chissà quanti come me ci sono, forse non amano le luci della ribalta

_________________
Non c'è inizio senza fine.


mer giu 27, 2007 8:23 pm
Profilo

Iscritto il: lun feb 28, 2005 11:31 pm
Messaggi: 23
Località: Firenze
Messaggio Re: HIV
Le storie degli attivisti dissidenti sono davvero molto toccanti. Mi ha colpito ad esempio quella di Ken Anderlini.
Possiamo trovare diversi suoi interventi nell'unico, seppure ormai poco frequentato,forum dell'aids myts exposed, sito che nasce in seguito all'indubbio successo del testo di Duesberg. La sua morte, per danni cerebrali prodotti dall'hiv, è simile a quella di Mark Griffiths (compagno di Silvie Cousseau sulla quale ci ritorno dopo, morta ovviamente anche lei di aids).
Molto noto in Francia, musicista di anche ottime qualità, subira' un grosso colpo dopo la morte della sua compagna silvie cousseau. Viene trovato morto,nel mese di ottobre del 2004, con una bottiglia di super alcoolico ufficialmente per infarto ma da una analisi approfondita, leggendo le testimonianze dei suoi ulitmi giorni, parrebbe che il cervello non rispondesse più bene (gli amici notarono che cercava di rullarsi una sigaretta senza la cartina...) e il giornalista che lo intervistò noto' che diceva cose senza senso e contradditorie. E' evidente che sono i famosi danni da hiv indotti nel cervello. Credo che Mark sapeva che stava perdendo la sua guerra, la guerra di una vita con tante battaglie intraprese. Credo che avesse capito che forse l'hiv esisteva davvero, e questo, nonostante avesse da 15 anni lasciato l'alcool e avesse avuto, fino ad allora uno stile alimentare e dietetico impeccabile. La fase calante comincerà quando di colpo perderà diversi kg, nonostante cure omeopatiche... Comincerà a soffrire di stanchezza cronica e gli amici noteranno che la famosa energia, che da sempre lo aveva contraddistinto, era ormai il passato... Da persona intelligente , e soprattutto dopo la morte della sua compagna di una vita e di battaglie, smetterà di combattere. Parteciperà all'ultimo concerto rock e , per la prima volta dopo 15 anni, si farà l'ultima bevuta e morirà da solo, rileggendo i suoi 20 anni da dissidente che eroicamente, come chi ormai nn ha nulla da perdere, brinderà alla sua vita, intensa e vissuta da combattente. Morira' in solitudine consapevole, un pò come il cane invecchiato che sa di essere arrivato all'ultimo giorno, saluta il padrone, e condivide i suoi ultimi momenti da solo perché nella vita non abbiamo certezze a parte la triste legge : si nasce e si muore da soli.

Sylvie Cousseau la trovate nel testo della Maggiore "Aids : e se fosse tutto sbagliato?" oppure nella rivista Continuum, il periodico dei dissidenti aids il cui ultimo nr uscirà nel 2001, anno in cui morirà di Aids il suo editore , Huw Christie Williams, sieropositivo dissidente amico di Duesberg, a 41 anni. Morirà egli stesso di Sarkoma di Kaposi. La Cousseau pare prendesse molte vitamine e partecipasse alle scuole di preghiera.... long servivo, muore nell'intervallo 10-15 anni dei long survivor di patologia aids correlata.. http://molbio.med.miami.edu/HIV-Aids/stories.htm

Nota anche la storia di Raphael Sabato Lombardo : viene citato nel libro di Duesberg come tra quelli che non hanno creduto che l’hiv causa l’aids. Il titolo della lettera, pubblicata per intero nel suo famoso libro, è “la mia vita sensa azt!. La lettera credo venga scritta nel 1996 e parla di un omosessuale di origine italiana al quale viene diagnosticata la sieropositività 10 anni prima. Sucessivamente alla pubblicazione del libro, Lombardo verrà invitato da Tabo Mbeky insieme a Duesberg per trovare una soluzione ai sieropositivi africani. Morirà un anno dopo di patologia aids correlata (anche qua non si sfugge al periodo di latenza 10-15 anni dei long servivor).

Sempre di Aids muore Jack Levine, assiduo frequentatore del forum aids myth exposed, che in diverse occasioni chiedeva sempre nel forum il motivo per il quale i sieropositivi morivano proprio delle patologie aids correlate…lui non si drogava e non prendeva farmaci…
Ronny Burk, cofondatore del gruppo attivista ACT UP/San Francisco morira di aids nel 2003

Michael Bellefountaine altra persona nota e combattiva, attivista e dissidente ( se fate una ricerca su google lo troverete in suoi diversi interventi scritti oltre a diverse partecipazioni in piazza)…morira’ di aids il 10 maggio 2007. Credo sia uno stato uno degli ultimi dissidenti ancora in vita (dalla mia ricerca dei dissidenti storici rimane solo la Christine Maggiore, alla quale ho inviato una mail ma non ho avuto risposta)

Kelly Jon Landis : appassionato di bicicletta, maniaco della dieta alimentare sana e della medicina alternativa, si autodefinira’ dissidente in salute”. Il suo sito è ancora attivo : http://people.tribe.net/aca8f528-05d6-4 ... 64320fd60a

Come vedrete sul sito , l’ultimo aggiornamento è di settembre 2006. C’e’ anche la sua foto dove in apparenza è sanissimo (come lui scrive, sieropositivo da 16 anni). Di li a poco la sua condizione di salute peggiora drasticamente e morira’ di linfoma e di altre patologie aids correlata il 3 dicembre 2007. Anche in questo caso i cd4 completamente annientati e viremia enorme. Notate che i forum che lui consiglia, compreso il famoso aid$ myth exposed, ha gli interventi aggiornati al 2007, segno che l’evidenza ha ormai preso il passo (il forum nel 2007 era ancora abbastanza frequentato!!, il problema poi è che i moderatori sieropositivi sono morti di aids).

Concludo con David Pasquarelli,(http://www.davidpasquarelli.com) certamente uno dei volti più noti tra i dissidenti, insieme a Ken Anderlini, Mark Griffiths e Michael Bellefountaine, tutti e tre amici, attivisti e membri dell’organizzazione act up . Una parantesi innanzi tutto sulla organizzazione negazionista act up. Nei loro incontri organizzavano dibattiti per la liberta’ di cura, la difesa degli omosessuali e ovviamente, negavano la relazione hiv aids e dicevano che l’azt provocava l’aids. Partecipando ai loro incontri, poteva capitare che attivisti morivano poi di aids , e , difronte a questa evidenza gli chiedevi cosa ne pensavano. La risposta ? Semplice “quello scopava come un riccio” oppure “quello prendeva i farmaci”. Si rifacevano al duesberg, al mullis, a kremer…
David era davvero in gamba : persona brillante, affascinamte, carismatica dotata di raro talento artistico. Simpatica e magnetica, come solo il genio artistico sa dimostrare. All’indomani del suo test sieropositivo girovaga per due giorni nella metropoli pensando : non sono drogato, non ho mai fatto uso di droghe, non ho avuto rapporti promiscui…come posso essere sieropositivo? Di li a poco sentira’ parlare di Duesberg e leggerà il libro. Si identificherà nella missione : la truffa delle case farmaceutiche contro gli omosessuali sarebbe diventata la battaglia della sua vita. Questo accadeva il primo aprile del 1995 (il giorno del pesce d’aprile, ironia della sorte…); morirà l’otto marzo 2004 , il giorno della festa delle donne! Intanto vi faccio notare come muoiano tutti il 2003 e il 2004, e tutti apparantamente in salute fintanto che l’hiv non ha distrutto le difese immunitarie e sempre motri di patologie aids correlate dopo il periodo di latenza 10-15 anni!
Dicevo…verra’ arrestato nel 2001 successivamente ad una denuncia per minaccie . intimidazioni e molestie contro l’autorità di polizia (in una foto del sito ad esempio c’e’ lui sorridente che viene rincorso da un poliziotto).Rimarrà in carcere 72 giorni e l’ultimo ricordo pubblico che abbiamo e l’intervista successiva al suo rilascio. Si vedono con il giornalista mentre lui mangia una bella insalata di spinaci!
La sua permanenza in carcere lo convincerà che è la malnutrizione e la droga a causare l’aids. Successivamente alla detenzione lui è malato, anemico ma è convinto che si rimetterà presto. Ha le difese immunitarie molto basse ed è molto debole e prende quello che anni fa dalla gerarchia medica viene considerata una porcheria chimica per rafforzare le difese immunitarie : il dncb (praticamente da noi chiamato DHEA) vedi il sito http://www.thinkfree.it/poiesis/hiv/ica/xii/altre.htm e che lo prendevano i sieropositivi in aids al posto di prendere farmaci (già qui si nota la presa di coscienza della dannosità dell’hiv e soprattutto della sua esistenza : perché prendere il dhea se cmq l’hiv non causa l’aids??)
Nell’intervista riprenderà i temi classici dei dissidenti : la repressione contro l’omosessualità e l’invenzione dell’hiv, l’aids in africa, l’attivismo politico e lo schierarsi a destra dei dissidenti…).Parlerà della sua detenzione e della causa per la quale vorrà dimostrare la sua innocenza non appena ritornerà in salute… Non ne avra’ il tempo : il suo sistema immunitario era ormai collassato! Dopo l’anemia arriverà la polmonite da pneumocisty carini (tipica patologia aids correlata).Nonostante le cure alternative e quelle classiche, come suggerito da Duesberg, cioè di combattere le patologie con i farmaci in uso classici (ma non la haart che all’inizio rifiuta seguendo Duesberg fin quasi ai suoi ultimi giorni) arriverà la meningite e lo stafilococco, micobatterio e il classico cmv. Tenterà allora la haart ma ormai era troppo tardi… Credo che anche lui, come Mark Griffits, nell’ultimo anno si sia ritrovato sperduto, senza punti di riferimento, e l’avere accettato la haart la si può tranquillamente interpretare come una pubblica ammissione della esistenza dell’hiv che causa l’aids. Mi piace pensare che qualora,( come in tanti altri casi è successo,) l’haart gli avesse salvato la vita avrebbe impegnato tutta la sua vita stessa a promuovere l’uso del preservativo, e avrebbe denunciato i vari duesberg con la stessa enfasi con cui per una vita lo ha promosso e preso a riferimento vitale…

In sintesi : l’hiv non ha lasciato scampo a nessuno e questo nonostante uno stile di vita impeccabile.Se una prova i dissidenti volevano ora non hanno scuse. Non si è salvato nessuno. I forum dei dissidenti ormai non esistono più.
Vita salutista, zero droghe, zero alcool, dieta alimentare ferrea, sport…Morti tutti di patologie aids correlate… Credo sia giunto il momento di fare in modo che questo esca fuori una volta per tutte. Ancora troppi giovani si lasciano condizionare dai dissidenti sia su internet che in librerie dove si parla di miti, truffe farmaceutiche e via con Kremer , Duesberg, Mullis… Di aids si muore ancora e soprattutto, di aids si muore ancora di ignoranza : usare sempre il preservativo, diciamolo a chiare lettere!
http://www.francescosatta.it

_________________
http://utenti.lycos.it/gordonlink


ven mag 09, 2008 12:53 am
Profilo

Iscritto il: lun feb 28, 2005 11:31 pm
Messaggi: 23
Località: Firenze
Messaggio Re: HIV
Ciao Giorgio!
Nessuna preclusione su kremer per quanto mi riguarda...solo che non ci sono dati ufficiali di uno, e dico uno, sieropositivo vivo senza la haart a distanza di 20 dopo l'avvenuta sieropositività.
Se ne si a conoscenza o vuoi raccontare la tua testimonianza, sarò ben lieto di pubblicarla sul mio sito.

Se ti va puoi contattarmi
Ciao
Francesco
http://www.francescosatta.it

_________________
http://utenti.lycos.it/gordonlink


dom mag 11, 2008 11:56 am
Profilo

Iscritto il: ven ago 22, 2008 11:59 am
Messaggi: 1
Messaggio vorrei info
sono hiv+
ancora con livelli di cd4 tali da non rendere necessaria la terapia.
ho tentato di migliorare lo stile di vita, per quanto possibile.
sono sempre stato ascoltatore dei dissidenti, sebbene anche io mi meravigli del fatto che gli studi siano datati.
c'è qualcuno che può indicarmi un link di un'associazione, medici, qualcuno con cui fare una chiacchera possibilmente a roma, per capire se c'è qualcuno che effettivamente stia seguendo cure alternative con successo?
grazie


ven ago 22, 2008 12:09 pm
Profilo

Iscritto il: lun feb 28, 2005 11:31 pm
Messaggi: 23
Località: Firenze
Messaggio Re: HIV
Non credo che esistano, e chi li seguiva ci ha rimesso la pellaccia.
Dai una occhiata, a parte al mio sito, a questo link :
http://lilanew.forumup.it/about917-lilanew.html

_________________
http://utenti.lycos.it/gordonlink


dom ago 24, 2008 10:21 am
Profilo

Iscritto il: lun feb 28, 2005 11:31 pm
Messaggi: 23
Località: Firenze
Messaggio Re: HIV
Preciso che il sito aggiornato è http://www.francescosatta.it
Ho pubblicato da diversi mesi una pagina sui dissidenti sieropositivi e che ho riportato sul mio sito.
Ad oggi non conosco nessuno che abbia risolto la sieropositività senza la Haart. Sebbene abbia messo in evidenza che il mio sito è a disposizione per raccoglierne le testimonianza, ad oggi non conosco nessuno ad eccezione dei sieronegativi che negano la relazione hiv = aids per il quale il mio sito non raccoglie la polemica in quanto inutile e superata dalla evidenza dei fatti!

_________________
http://utenti.lycos.it/gordonlink


dom ago 24, 2008 11:17 am
Profilo

Iscritto il: dom apr 05, 2009 9:51 pm
Messaggi: 2
Messaggio Re: ma
Io so soltanto una cosa. L'hiv non è provato che esista infatti non è mai stato isolato questo virus(una volta) ora invece è diventato retrovirus(come mai?non lo si sa). Ci sono in ballo anche 50.000 dollari per chi ne da la prova dell'esistenza,e non sono mai stati incassati. com'è sto fatto? Io sono ormai 6 anni che sto bene senza prendere pastiglie


mer apr 08, 2009 1:46 pm
Profilo

Iscritto il: ven mag 08, 2009 8:25 pm
Messaggi: 1
Messaggio Re: HIV
ciao giutarman sono quasi sicuro di avere contratto l'hiv non e la classica paranoia delle persone che si sfogano sui blog ma ho avuto contatti veramente ma dico veramente a rischio.io credo ai dissidenti pertanto prima di essere etichettato da un foglio che mi dice positivo senza avere nulla ho molti dubbi nell'eseguire il test.gia sono in separazione coniugale piu problemi economici e tanto altro insomma brutto periodo.sta di fatto che pero il mio medico che mi ha in cura per farmi gli esami del sangue vuole per forza includere l'hiv in quanto io non credo e poi mi sentirei emarginato a vita..Cosa puoi dirmi della tua esperienza e veramente come la pensiamo noi?


ven mag 08, 2009 8:36 pm
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 20 messaggi ] 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © phpBB Group.
Designed by Vjacheslav Trushkin for Free Forums/DivisionCore.
Traduzione Italiana phpBB.it