Menu - Barra di navigazioneSostegnoLingueLinksEconomiaAmbienteForumCuraPetizioneIntegratoriAlimentiHOME

CURA DEL CANCRO DI GIOVANNI PUCCIO

Tratto dalla relazione scientifica 
"eziopatogenesi del cancro"
redatta  e registrata da GIOVANNI PUCCIO Palermo 13.09.99
 aggiornata al 13.11.2001
aggiornato nel marzo 2008 da La Leva

Conclusione - Protocollo Terapeutico - Risultati  - Ringraziamenti 

CONCLUSIONE RIEPILOGATIVA

Dopo migliaia di ore di ricerca , di studio, di indagine ematochimiche ,  con la collaborazione di 46 esperti in discipline scientifiche diverse , sulla base dei dati accertati di trenta anni di oncologia sperimentale e dei principi della chimica, riteniamo di  affermare di essere arrivati alla  spiegazione logica scientifica della patologia degenerativa " cancro" che colpisce quasi tutte le forme di vita.

Cos'è il Cancro?  Il cancro è il punto di arrivo di catena patologica iniziata molti anni prima;

Un sistema biochimico  capovolto dovuto all'immissione di un carcinogeno chimico che blocca  la pompa  Sodio/Potassio  alterandone l'equilibrio e il potenziale membrana e di conseguenza il sistema immunitario (Interconversione delle forme ma non delle forze che rimangono sempre 63 U.M.A.).

Esistono molte forme di tumore.La genesi è uguale per tutti?  Tumore significa ingrossamento dei tessuti; Il tumore può essere:occluso(benigno) infiltrante(cancro e/o maligno). Il tumore occluso può essere un sistema di difesa  dell'organismo  quando il sistema immunitario non riesce ad eliminare l'elemento  xenobiotico occasionale che disturba i tessuti , asportandolo si ha quasi sempre la guarigione; Il cancro è dovuto ad carcinogeno chimico continuo che  immettendosi nel sangue di individui deficitari del sistema detossicante si lega al DNA  delle cellule dei tessuti ove la vitalità è carente (Rous Chelton) Lo squilibrio elettro-chimico  della cellula è sempre uguale in  ogni forma di neoplasia (Moravek e Kischi 1932) quando questi avviene nel muscolo cardiaco si ha la morte delle cellule cardiache (Sodi Pallares).  Le forme tumorali  infiltranti sono varie a secondo i tessuti  ove si sviluppa . I geniOnc perché vengano attivati  occorre una causa esterna : chimica, fisica o virale (Todaro) ma principalmente devono saltare i sistemi di difesa dell'organismo. Questi da una spiegazione il perché alcuni  individui abitante nello stesso edificio, luogo di lavoro o adottando la stessa dieta  non si ammalano e altri si.

Quali sono i  componenti del sistema detossicante dell'organismo e  i stabilizzatori dei radicali liberi? Un ruolo centrale nel meccanismo di difesa delle strutture  cellulari in generale è svolto  dal sistema Glutatione - Ascorbato che si rigenera  sempre  attraverso una sequenza di reazioni che prevede l'intervento di due enzimi; la Glutatione perossidasi e la Glutatione reduttasi. La mancanza del GSH altera tutti i sistemi  metabolici. Tra gli antiossidanti esogeni e endogeni ricordiamo : vitamina E  e C , la cisteina, le proteine plasmatiche(ceruloplasmina e trasferrina) gli enzimi (superossido.dismutasi-la catalasi- ecc.ecc.)

Pertanto, per prevenire il cancro occorre:

 Sottoporsi ad alcuni esami di routine, che permettano di accertare l'inizio di tossicosi prima della degenerazione cellulare, grazie al dosaggio di:

    1. Tenere sotto controllo l'apparato digerente, come raccomandato dal Dott. Lagergren.
    2. Utilizzare antibiotici specifici, quando necessitano, come raccomandato dall'O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità).
    3. Cercare di ripristinare la flora batterica intestinale, danneggiata dall'uso improprio d'antibiotici o dall'avanzare dell'età, grazie all'utilizzo d'integratori.
    4. Analisi delle feci per  accertare la presenza dei Sarcina  ventriculi.

      N.B. Purtroppo questi esami sono considerati a livello sperimentale e non tutti i centri di analisi sono attrezzati ad eseguirli.

Grazie agli studi e ai risultati raggiunti in questi anni ho potuto elaborare una cura che arresta l'evoluzione del cancro detossicando l'organismo e riequilibrando il potenziale redox. Tale metodica è stata messa in atto dal 13/05/99, sotto osservazione medica, ma  va continuamente perfezionandosi sulla base dell'esperienza -

SEGUENZA SCHEMATICA DELLA DEGENERAZIONE CELLULARE

R.L(Multifattoriali)à blocco sistema detossicanteà danno componenti Subcellularià   cellule à tessuti à organi à sistemi à MALATTIA (una sola causa (Blocco GSH)à una solo CURA (eliminare  ciò che blocca la formazione del GSH).

(Inquinamento, Stress, conflitti spirituali, dieta impropria, invecchiamento della flora batterica intestinale, utilizzo improprio di antibiotici senza l'utilizzo di integratori per ripristinare la flora batterica intestinale)-à  Squilibrio della flora batterica (proliferazione di batteri  che immettono un componente chimico)  Blocco del GSH epatico (presente 21/46 mg x 100 ml di sangue intero) e dell' ATP REDOX(ricorso dell'organismo alla energia  filogeniticamente primitiva: glicolisi,glicogenesi,via del pentoso fosfati)  e perossidazione lipidicaà    stress ossidativo à   degenazione cellulare nei tessuti danneggiati ( squilibrio della pompa sodioPotassio abbassamento del potenziale  membrana  abbattimento del sistema riparatore e immunitario).

PROTOCOLLO TERAPEUTICO

Terapia Riducente Antineoplastca  Palermitana

La  terapia  riducente qui di seguito elencata serve a:

-     riequilibrare un rapporto di una reazione ciclica  che  non avviene per  lo stress ossidativo;

-         attivare il sistema  detossicante (inibizione non competitiva)

-     riequilibrare il rapporto redox cellulare;

-         attivare il sistema immunitario.

Bisogna  tenere presente che  l'acido  ascorbico funziona in sinergia con il GSH( se manca l'uno non funziona l'altro) : gli ascorbati legano l'agente ossidante e il gruppo  tiolico  del GSH interviene per  espellerlo dall'organismo mentre il Glutatione viene riassorbito  ad opera del y-glutammiltransferasi, localizzata a livello dell'orletto a spazzola.

Nota IMPORTANTE de La Leva: Parte del protocollo è stato rimosso dal sito: Per effettuare la cura Puccio e richiedere il protocollo terapeutico seguite le indicazioni sul sito dell'associazione Emmanuele: http://emmanuele.splinder.com/tag/terapia_crap_principi_e_fasi

-         LA CURA VA  ESEGUITA sotto osservazione  medica  e possibilmente integrata con  altri elementi  riducenti.

-         Attenzione:  tenere sotto controllo la funzionalità  renale,  perché  i reni vengono sottoposti ad uno stress di super lavoro a secondo l'estensione  della massa tumorale                                                                        

-         Eseguire esami di routine in particolare Emocromo (sottopolazione linfocitaria -immunoglobuline-elettroforesi serica).

RISULTATI

-         Stabilizzazione della temperatura corporea tra i 37/38¡ ca.

-         Riassorbimento  graduale dell'ascite e dell'edema se presenti.

-         Normalizzazione dei valori ematochimici.

-         Miglioramento delle condizioni generale del degente.

-         Sebbene questa metodica sia di breve elaborazione, un medico curante palermitano la sta adottando su un suo paziente di 49 anni affetto da carcinoma al colon con metastasi al fegato dichiarato terminale. I risultati ottenuti sono alquanto soddisfacenti, infatti abbiamo ottenuto l'assorbimento dell'edema e dell'ascite, la normalizzazione dei valori ematochimici con l'esclusione degli enzimi epatici  (visto però l'aumento della colinesterasi fanno ben pensare ad ottimi risultati). La  cosa che mi preoccupa è che possa sopraggiungere un oligoanuria  da deficit  di perfusione renale .

Come già detto il 5 dicembre 1998   consegnai al Prof. Palazzo Adriano una  mucillagine ricavata da MIXOBATTERI, dalla quale ne ricavò una sostanza contenente un pool d'enzimi che hanno innescato un'azione citolitica, in vitro, nelle culture cellulari del 30% dose/risposta x h.

Oggi grazie alla documentazione avuta da un Micologo ho potuto constatare che tale sostanza, contenente degli enzimi che idrolizzano composti macromolecolari e polisaccaridi, è un battericida, precisamente è UN EQUILIBRATORE MICROELEMENTI MINERALI ANTIBIOTICO NUCLEOFILO ELETTROLITICO.

La composizione di tale sostanza è molto simile a quella di un farmaco antitumorale di fabbricazione americana, della ditta CIBA. Esso èricavato dal MIXOCOCCUS XANTUS, ma non è uguale.

Ancora oggi sono alla ricerca di una casa farmaceutica che possa completare il protocollo scientifico. Purtroppo la colpa di non essere riuscito a rendere pubblica i risultati dei miei esperimenti il più presto possibile e la consapevolezza che molta gente abbia sofferto e sia morta e che molti in questo momento si trovino nelle stesse condizioni, mi spinge a regalare al mondo questo miracolo reclamando solo che il nome di questo farmaco sia EMMANUELE e che il suo prezzo non sia eccessivo. (ALL. O)

RINGRAZIAMENTI

Ringrazio Dio che mi ha permesso di dare una risposta alle mie domande, donandomi una grande forza d'animo per mantenere la promessa fatta a mia madre prima e ad un bambino di 12 anni poi, permettendomi di non cedere ai dolori, e a tutte le difficoltà che ho incontrato in questi lunghi anni; A mia moglie e alle miei figlie, che mi hanno supportato con il loro amore e la loro comprensione; A Padre Enrico Schirru (ordine dei Mercedari) e a Padre Mario Golesano (Il sostituto di padre Puglisi) che mi hanno supportato con le loro preghiere. Ai miei amici, S. Rappa, F. Sortino e A. D'Aiello e che hanno sempre creduto in me, sacrificando il loro tempo libero. Al Dott. G. Francese (Giornalista) per i suoi consigli e per aver creduto in me. A questi signori , sotto elencati , rimarrò sempre grato per la consulenza prestatami e l'aiuto concessomi per portare avanti la mia ricerca:

Dottori F. Sortino e G. Volpicelli e A. Machì (C.N.R. Pa);
Nino D'Aiello Tecnico di lab.di Virologia e Batteriologia (Osp.Civ.Pa.);
Dott. A. Militello Medico e ricercatore Scienza dell'alimentazione.
Dottori S. Scola e Tricarico Centro Analisi (Osp. Civ. Pa);
Prof. Bono , dott.ssa D'ancona e Tecn. Sig. Saia (Chimica Biologica);
Prof. Palazzo Adriano (Ist. di Farmacologia dell'Univ. di Pa);
Prof.   Romano e Dott. Orecchio (Chimica inorganica Univ. Pa);
Professori   Venturelli ( Marito e moglie) (Chimica organica Univ. Pa);
Dottoresse   Dolo e Lo Rè (Ist. Biocellulare dello sviluppo);
Professori   Filpi , Favaloro e Sammarco (microbiologia del terreno);
Prof. Nitri  (Fitopatologia),  Prof.  Bazan (Chimica  Agraria);
Sig. Centomani Tecn. (Medicina Legale);
Professori   Camarda, Ceraulo e Fontana (Chimica e tecn. Farmaceutiche);
Dottori Minetti, Mallozzi, Davanzo e Pietraforti   (Ist. Sup. Sanità a Roma);
Prof. Mazzola   (Botanica);
Ing. Santini e Dott. Cavalli    (Ditta Dionex x   HPLC);
Sig. Belloli Tecn. Della Ditta Superchrom (Supelco) Gas-Massa;
Tutti i bibliotecari delle varie facoltà che mi hanno aiutato nella ricerca dei testi scientifici;
Dottori   Metus e Bonvicini   (Dipartimento di medicina Padova);
Dott. Lergergren (Istituto Karolinska di Stoccolma)
Un grazie particolare al Dott. G. Paolo Vanoli che grazie al materiale, dei suoi studi , inviatomi ho potuto confermare ancora di più la mia ipotesi e completare, teoricamente, la mia ricerca .
Voglio ringraziare, l'On. Avv. Nino Lo Presti (Deputato alla Camera) e Alessandro Aricò (Consigliere Prov.)  per l'interrogazione parlamentare e per i consigli datomi.
Un grazie a  Giulia Geraci ,  webmaster del sito che ospita queste pagine;

Dedico tutto alla donna che ho amato più della vita, mia Madre.
Io da studioso ho finito, perché non ho più la possibilità di continuare . Spero che Lo Stato e  i Medici (secondo SCIENZA-COSCIENZA) possano accertare ciò e portare a termine il protocollo di sperimentazione del vaccino terapeutico.


Giovanni Puccio decide di rivolgersi alle autorità giudiziarie e fa conoscere il suo caso alla stampa:
http://www.madonie.com/puccio


Non si intende far utilizzare le nozioni contenute in queste pagine per scopi diagnostici o prescrittivi.
Per qualsiasi trattamento o diagnosi di malattia, rivolgetevi ad un medico competente
.
Per avere piu informazioni sulla cura di Puccio potete rivolgervi a Rossella Puccio al numero: 328 6369415



LINK UTILI SU VARIE TERAPIE ALTERNATIVE PER LA CURA DEL CANCRO

INFORMAZIONE ALTERNATIVA CANCRO
http://www.disinformazione.it/

ASCORBATO DI POTASSIO PER LA CURA DEL CANCRO
http://www.pantellini.org/

INFO ALTERNATIVE SUL CANCRO
http://www.medicinenaturali.net/

MEDICINA ALTERNATIVA
http://www.laleva.cc/cura/cura.html

LINK UTILI SUL CANCRO
http://www.maruzza.it/italiano/linkSettore/linksettore.htm

CURE ALTERNATIVE ASSOCIAZIONE ARPC
http://www.aerrepici.org/

INFO ALTERNATIVE SALUTE
http://cosco-giuseppe.tripod.com/